La verità sulla bolletta elettrica : I Scaglioni di consumo

La verità sugli scaglioniHo scelto un immagine che sia il più possibile evocativa della verità sulla bolletta elettrica : I Scaglioni di consumo.
Il mio obiettivo è quello di farti conoscere una modalità di pagamento NASCOSTA nelle nostre bollette elettriche che cambia sostanzialmente il costo dell’energia elettrica.

Il meccanismo dei Scaglioni è regolamentato da un organo pubblico che si chiama AEEG Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico. Questo significa che essendo un sistema previsto dalla legge tutti i clienti che pagano una bolletta elettrica sono soggetti a questa modalità; anche se dovessi passare al libero mercato la cosa non cambierebbe.

Per capire bene come funzionano I Scaglioni ti spiego in maniera molto sintetica come è costruita la bolletta elettrica; di seguito metto uno schema che mi facilita nella spiegazione:

Suddivisione bolletta elettrica
La grandezza dei rettangoli è proporzionale al costo, come si vede la Bolletta elettrica si divide in 2 voci basilari:

  1. Quota FISSA: CANONI
  2. Quota VARIABILE: costo proporzionale ai kWh assorbiti

Per utenze domestiche la prima voce oscilla tra i 10 e i 20 € a bolletta elettrica, il grosso della spesa è la parte variabile.
Questa seconda parte è a sua volta divisa in 2 parti:

  1. ONERI DI RETE
  2. COSTO DEL kWh

In ogni bolletta elettrica il costo dei servizi di rete incide maggiormente rispetto al costo dell’energia, infatti le “grandi” promozioni del libero mercato risultano essere abbastanza inefficaci per abbassare il costo della bolletta, questo perchè agiscono solo sul costo dell’energia.
Ma non voglio concentrarmi su questo che ti spiegherò in un altro articolo.

L’obiettivo di questo articolo è svelarti il criterio previsto per il calcolo della QUOTA VARIABILE che nessuno ti spiega con chiarezza ma che determina un cambio radicale sui costi della bolletta elettrica.
Il sistema si basa su 2 concetti fondamentali che portano entrambe ad un valore maggiore di quello che qualsiasi persona si aspetta dalla sua bolletta:

1. Aumento del costo del singolo kWh in base all’assorbimento annuo

Costo kWh in baste agli scaglioniProprio così, il costo del singolo kWh aumenta a seconda di quale sia il tuo SCAGLIONE di appartenenza; in particolare più lo scaglione è alto (consumo alto durante l’anno grande) più sarà alto il costo del kWh.
Quindi a differenza di quello che comunemente si pensa la crescita del costo dell’energia è dovuta si alla quantità assorbita ma SOPRATUTTO (adesso ti faccio vedere perchè) al cambio di scaglione.

Il grafico qui sopra ti riporta l’aumento del costo del kWh in base aglio scaglioni per il secondo trimestre del 2015, la fonte dei fati è il sito dell’AEEG, ti riepilogo in sintesi i valori dei 4 scaglioni:

  1. PRIMO SCAGLIONE, fino a 1800 kWh all’anno il costo variabile è di circa 11 c€
  2. SECONDO SCAGLIONE, dopo 1800 kWh all’anno il costo variabile aumenta del 150% circa
  3. TERZO SCAGLIONE, se superi i 2640 kWh il costo variabile aumenta del 200% circa
  4. QUARTO SCAGLIONE, se superi i 4440 kWh il costo variabile aumenta del 240% circa

Sulla base di questo ragionamento un cliente che assorbe 5000 kWh si trova a pagare i kWh assorbiti dopo 4400 (limite dell’ultimo scaglione) più del doppio di quanto ha pagati i primi 1800.
Questo ti da un’idea di quanto sia fondamentale mantenere bassi i consumi durante l’anno per non trovarsi a pagare il kWh cifre astronomiche.

Se fosse questa la situazione già sarebbe difficile, ma ancora no ti ho svelato il secondo criterio che peggiora ulteriormente le cose…

2.Calcolo dello scaglione

Quindi fino ad ora è chiaro che il costo dell’energia elettrica dipende dallo scaglione di appartenenza, la cosa che non ti ho ancora spiegato è come fa il gestore a sapere a quale scaglione appartieni?
La cosa più logica che è anche quella che ci si aspetterebbe è quella di arrivare alla fine dell’anno e fare i conti, ma purtroppo no è così.

Il calcolo dello scaglione di appartenenza si fa considerando l’assorbimento avuto nel bimestre di riferimento proiettato su base annuale, quindi ogni volta che ti arriva la bolletta avrai l’energia elettrica valorizzata in base ai scaglioni che hai raggiunto nel bimestre. Tradotto in termini più semplici ti potresti trovare a pagare il singolo kWh il doppio in un dato bimestre anche se alla fine dell’anno il tuo consumo complessivo risultasse appartenere al primo scaglione.

Con questo meccanismo la tariffa più alta viene imputata molto più facilmente e sopratutto quando viene fatto il conguaglio si va in automatico nella fascia più alta….

Cosa Puoi Fare

Dopo questa spiegazione ti rendo conto da solo quanto sia fondamentale mantenere basso l’assorbimento di energia dalla rete elettrica, sicuramente è possibile aggredire il problema utilizzando elettrodomestici a basso consumo, ma avere un sistema per la produzione di energia ad alimentare la tua casa è sicuramente la soluzione più performante.

Infatti attraverso un sistema che ti dia energia elettrica non solo risparmi i kWh che ti autoproduci ma ti tieni lontano dagli scaglioni alti nei quali il costo del kWh lievita fino al 240% in più! In pratica produrre la propria energia elettrica ha un doppio vantaggio:

  1. Risparmi in termini di kWh da pagare
  2. Risparmi sul costo del singolo kWh perchè ti metti al riparo dai scaglioni più alti

Sfrutta il Tuo Potenziale!

Alla prossima

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *